Biologo Nutrizionista

Notizie flash

Oggi 05/09/2009 il sito è on line!!!

Vi invitiamo a registrarvi per poter accedere a tutti i nostri servizi. Grazie

Giovedì, 21 Set 2017
Home Cibi Integrali
Integrale o raffinato?
Scritto da Raimondo Spissu, 05-09-2009 12:29
Valuazione editore
Pagina vista 4238    
Favoriti Nessun
cibi_integrali

 

Vantaggi e svantaggi dei cibi integrali


APPORTO DI FIBRA

Negli ultimi decenni il contenuto di fibra nelle diete dei Paesi industrializzati è notevolmente diminuito; in Italia il consumo medio di fibra si attesta intorno ai 20 grammi al giorno contro i 30-35 grammi suggeriti dai nutrizionisti (con grandi differenze regionali, giornaliere e stagionali, oltre che individuali). Le cause di questo deficit vanno ricercate sia nel cambiamento delle abitudini alimentati, sia nella maggiore raffinazione subita dalle farine.


 

IL PROCESSO DI RAFFINAZIONE

La raffinazione è un processo che comprende una serie di trasformazioni alimentari capaci di eliminare determinate sostanze o parti di alimento, per concentrare sempre più le proprietà di interesse. Durante la raffinazione della farina, per esempio, si asportano il germe e la parte esterna del chicco. Purtroppo, però, allo stesso tempo si eliminano anche alcuni nutrienti importanti per l'organismo.


 

VANTAGGI DEI CIBI INTEGRALI

I vantaggi derivanti dal consumo di cibi integrali vanno in gran parte ricondotti all'aumentato apporto di fibra .

La fibra alimentare infatti:

  • aumenta il senso di sazietà e facilità il transito intestinale
  • riduce l'assorbimento di grassi e colesterolo
  • riduce l'assorbimento di sostanze cancerogene
  • riduce il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro


Altri vantaggi importanti derivano dall'aumentato apporto di vitamina E (nel caso degli oli vegetali, la raffinazione ridurrebbe il contenuto di tocoferolo ed acidi grassi essenziali, fondamentali per la nostra salute) e di alcune vitamine del gruppo B. Inoltre i cibi integrali hanno un indice glicemico ed un contenuto calorico inferiore e sono pertanto indicati nelle diete dimagranti (a condizione che l'integrale non diventi un pretesto per mangiare di più poiché le differenze caloriche tra i due alimenti sono, tutto sommato, modeste).


 

SVANTAGGI DEI CIBI INTEGRALI

I cibi integrali:

sono meno conservabili ed in generale risultano meno appetibili dei raffinati. Un consumo eccessivo di fibra apporta un eccesso di fitati, sostanze che ostacolano l'assorbimento di alcuni minerali tra cui il calcio e lo zinco. Occorre inoltre ricordare che la parte esterna del chicco, che viene normalmente asportata durante la raffinazione, è la più esposta alle sostanze chimiche utilizzate in agricoltura. Per questo motivo è bene accertarsi della provenienza dell'alimento integrale acquistato, onde evitare l'introduzione di sostanze dannose per il nostro organismo.


CIBI INTEGRALI E RAFFINATI A CONFRONTO


ALIMENTO (100 g)

Fibra (g)

Kcal

vit C (mg)

vit A (µg)

tiamina (mg)

pane tradizionale 3,1 g 275 0 0 0,5
pane integrale 6,5 g 224 0 0 0,10
radicchio rosso 3 g 13 10 tracce 0,07
mela con buccia 2,5 g 38 5 8 0,02


 

Osservando la tabella sovrastante si possono trarre alcune conclusioni:

in un alimentazione equilibrata l'apporto di fibre è garantito principalmente dai cibi di origine vegetale (frutta e verdura); in questi casi non è necessario integrare ulteriormente il consumo di fibra. Se da un lato aumentando il consumo di cibi integrali si aumenta l'apporto di fibra alimentare e di alcune vitamine e sali minerali, dall'altro non si soddisfa il fabbisogno di altri oligoelementi, i cibi integrali non devono quindi diventare un pretesto per sostituire frutta e verdura.


BIOLOGICO NON SIGNIFICA INTEGRALE

Facendo riferimento all'ultimo punto sopraelencato, occorre precisare che integrale non significa necessariamente biologico. Spesso le due cose vengono associate proprio per evitare il pericolo di intossicazione. Tuttavia il biologico sembra essere un miraggio per il consumatore, convinto di acquistare un alimento utile per la propria salute, ed ignaro di arricchire solamente l'industriale che ha costruito il suo impero su false credenze popolari. "L'alimento biologico non ha nulla da invidiare, dal punto di vista nutrizionale all'alimento tradizionale; il minor contenuto di sostanze inquinanti e residui di fitosanitari non è sempre garantito".


 

CONCLUSIONI

Abbiamo visto che se l'alimentazione è equilibrata il consumo di cibi raffinati non comporta alcun pericolo di carenza. D'altra parte i cibi integrali possiedono molte caratteristiche nutrizionali positive (ma anche negative), per cui è buona regola consumarli occasionalmente senza abusarne. Per esempio possiamo decidere di consumare cereali integrali al mattino e pasta e pane tradizionale durante il resto della giornata

 

Ultimo aggiornamento: 09-10-2011 13:09

Commenta Articolo Articolo Favorito Stampa l'articolo Invia ad un amico Articoli associati
Cibi Integrali
 

Login

Eventi

Iscrizione NewsLetter

Inserisci una mail valida. Ti verrà inviata una notifica per attivare il servizio.Leggi e accetta i Termini e Condizioni.
Privacy e Termini di Utilizzo

Sondaggio

Ogni quanto vorresti fare le visite di controllo?

Contatore Visite

Statistiche Utenti

  • 407 registrati
  • 0 oggi
  • 0 questa settimana
  • 34 questo mese
  • Ultimo: mattia93