Biologo Nutrizionista

Notizie flash

Si riceve solo per appuntamento. Contattare il 348-8720521. Grazie

Giovedì, 21 Set 2017
Home L' Alcol
L' Alcol
Scritto da Raimondo Spissu, 04-09-2009 21:28
Valuazione editore
Pagina vista 4398    
Favoriti 1
Alcol

 

Il consumo di alcol (o etanolo) è molto antico, tanto che già l'Antico Testamento, narrando l'ubriacatura di Noè (Genesi 9, 20-27), testimonia il profondo legame tra uomo e vino.


Alcol


Ampiamente rappresentato anche nei pittogrammi egizi, il consumo voluttuario di sostanze alcoliche si è lentamente diffuso in tutto il mondo, fino ad arrivare ai giorni nostri, dove l'ampia disponibilità di liquori distillati ad elevata gradazione alcolica ha notevolmente aumentato l'incidenza dell'alcolismo. Per questo motivo i danni correlati all’abuso di alcol rappresentano, oggi più che mai, un problema sociale di primaria importanza.


Il grado alcolico


Il grado alcolico è il volume percentuale di alcol contenuto in una determinata bevanda. Un vino di 12 gradi avrà quindi un contenuto alcolico pari a 12 ml su 100 ml di prodotto. Per conoscere a quanti grammi di alcol corrisponde tale valore, è sufficiente moltiplicarlo per la densità dell'etanolo (0,79 g/cm3). Prendendo in considerazione il vino dell'esempio precedente, ricaviamo che in 100 ml di prodotto sono presenti 9,48 g di alcol. Dal momento che nel nostro organismo l'ossidazione di un grammo di etanolo libera 7 KCal, un litro del vino in esame fornirà circa 665 calorie. Si tratta quindi di una quantità di tutto rispetto, equivalente al potere energetico di 2 etti di riso.


 

Metabolismo dell'alcol

L’etanolo viene assorbito per diffusione semplice a livello dello stomaco e dell’intestino tenue. La quantità assorbita dipende unicamente dal volume ingerito, quindi - entro le capacità di assorbimento del nostro organismo - tutto l'alcol assunto riesce ad oltrepassare facilmente le pareti del tubo digerente e a passare nel sangue. La presenza di cibo nello stomaco, rallentando lo svuotamento gastrico,  riduce la velocità di assorbimento dell’alcol. Per questa ragione si consiglia di consumare vino ai pasti e non a digiuno, in modo da dilazionare nel tempo gli effetti inebrianti della bevanda. Non tutto l'alcol assunto viene ossidato, dal momento che una piccola aliquota, variabile dal 5 al 15%, viene eliminata con il respiro e con le urine; la maggior parte, invece, viene metabolizzata a livello epatico.

 

Ultimo aggiornamento: 09-10-2011 13:15

Commenta Articolo Articolo Favorito Stampa l'articolo Invia ad un amico Articoli associati
L' Alcol
 

Login

Eventi

Iscrizione NewsLetter

Inserisci una mail valida. Ti verrà inviata una notifica per attivare il servizio.Leggi e accetta i Termini e Condizioni.
Privacy e Termini di Utilizzo

Sondaggio

Ogni quanto vorresti fare le visite di controllo?

Contatore Visite

Statistiche Utenti

  • 407 registrati
  • 0 oggi
  • 0 questa settimana
  • 34 questo mese
  • Ultimo: mattia93