Biologo Nutrizionista

Notizie flash

Oggi 05/09/2009 il sito è on line!!!

Vi invitiamo a registrarvi per poter accedere a tutti i nostri servizi. Grazie

Mercoledì, 27 Mar 2019
Home L' Alcol
L' Alcol
Scritto da Raimondo Spissu, 04-09-2009 21:28
Valuazione editore
Pagina vista 5349    
Favoriti 1
Alcol

 

Il consumo di alcol (o etanolo) è molto antico, tanto che già l'Antico Testamento, narrando l'ubriacatura di Noè (Genesi 9, 20-27), testimonia il profondo legame tra uomo e vino.


Alcol


Ampiamente rappresentato anche nei pittogrammi egizi, il consumo voluttuario di sostanze alcoliche si è lentamente diffuso in tutto il mondo, fino ad arrivare ai giorni nostri, dove l'ampia disponibilità di liquori distillati ad elevata gradazione alcolica ha notevolmente aumentato l'incidenza dell'alcolismo. Per questo motivo i danni correlati all’abuso di alcol rappresentano, oggi più che mai, un problema sociale di primaria importanza.


Il grado alcolico


Il grado alcolico è il volume percentuale di alcol contenuto in una determinata bevanda. Un vino di 12 gradi avrà quindi un contenuto alcolico pari a 12 ml su 100 ml di prodotto. Per conoscere a quanti grammi di alcol corrisponde tale valore, è sufficiente moltiplicarlo per la densità dell'etanolo (0,79 g/cm3). Prendendo in considerazione il vino dell'esempio precedente, ricaviamo che in 100 ml di prodotto sono presenti 9,48 g di alcol. Dal momento che nel nostro organismo l'ossidazione di un grammo di etanolo libera 7 KCal, un litro del vino in esame fornirà circa 665 calorie. Si tratta quindi di una quantità di tutto rispetto, equivalente al potere energetico di 2 etti di riso.


 

Metabolismo dell'alcol

L’etanolo viene assorbito per diffusione semplice a livello dello stomaco e dell’intestino tenue. La quantità assorbita dipende unicamente dal volume ingerito, quindi - entro le capacità di assorbimento del nostro organismo - tutto l'alcol assunto riesce ad oltrepassare facilmente le pareti del tubo digerente e a passare nel sangue. La presenza di cibo nello stomaco, rallentando lo svuotamento gastrico,  riduce la velocità di assorbimento dell’alcol. Per questa ragione si consiglia di consumare vino ai pasti e non a digiuno, in modo da dilazionare nel tempo gli effetti inebrianti della bevanda. Non tutto l'alcol assunto viene ossidato, dal momento che una piccola aliquota, variabile dal 5 al 15%, viene eliminata con il respiro e con le urine; la maggior parte, invece, viene metabolizzata a livello epatico.

 

Ultimo aggiornamento: 09-10-2011 13:15

Commenta Articolo Articolo Favorito Stampa l'articolo Invia ad un amico Articoli associati
L' Alcol
 

Login

Iscrizione NewsLetter

Inserisci una mail valida. Ti verrà inviata una notifica per attivare il servizio.Leggi e accetta i Termini e Condizioni.
Privacy e Termini di Utilizzo

Sondaggio

Ogni quanto vorresti fare le visite di controllo?

Contatore Visite

Statistiche Utenti

  • 415 registrati
  • 0 oggi
  • 0 questa settimana
  • 49 questo mese
  • Ultimo: amorsote65